Premio Città di New York 2018

L’ASINO

Solo se ne stava ed in disparte

Un asino compunto ed arrogante

Guardava gli animali tutt’intorno

Che in mezzo all’aia stavano contenti.

Restare qui non mi piace tanto

Pensava tra se e se ormai convinto

Vedere l’oca grassa che starnazza In un certo senso mi tormenta.

E’ noia quel maiale che grugnisce Sporco, pien di fango e malaticcio

Ed il tacchino che veloce corre Gridando in qualche modo mi stordisce

Non posso stare qua in mezzo a tanto Successo avro’ di certo in altra parte

Sono alto piu’ di loro e corpo snello E merito di stare in altro posto.

La mangiatoia lascia e tutto il resto E senza piu’ pensare se ne parte

La schiena volta e passa quel cancello

E prende nuova strada con certezza In altre parti,disse, son convinto

La gente mi vedra’ con gran rispetto Intorno avro’ persone di gran rango

Ed io saro’ al centro con cospetto Il primo animale che lui incontra

E’ un leone grande pien d’affetto

Pensa d’aver trovato il prediletto Ma presto fa di lui un gran banchetto

 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto