§ANTO LAVORATO

Sonlo Lovorolo dopo wer conseguilo gli studi ol Liceo Artistico e oll Ac- codemio Belle Arti di Nopoli, sezione pitturo, ollievo dei moeslri Broncoccioe De Stefono, lo suo formozione ortistico si sviluppo nell’ombienle porte-nopeo, dove conosce le opere dell’ortislo Perez e il suo interesse sisposlo onche per lo scu[turo, gio ompiomente sperimenloto, Docenledi “Discipline Pilloriche”insegno per onni con interesse e dedizione lo co-noscenzo e Io diffusione del segno come formo espresivo ol Liceo Arlislico di Cosenzo e Coslrovillori, Opero nel compo dello pilturo e dellosculturo dol l97l; ho poriecipoto o concorsi, rossegne nozionoli e inler-nozionoli, le sue opere si trovono preso collezioni prvote, istituzionisocioli, gollerie e musei, (‘Museum of the Royol Houseof Portugol” diVicenzo.) Colobrese di noscito e di odozione con lo coporbielò di rimonere nello suo terro per opprofondire e sviluppore il suo linguoggio ortistico in un ombienle meroviglioso, mo povero di culluro e dimezi,Dopo lo formozione dei primi onni di studi occodemici o Nopolij emerge un tenlotivo personole di ricerco e linguoggio figurole eslremomeniesinletico, dove lo figuro e un simbolomentole in un conlesto reole ospe-cifico, Negli onni Ottonlo poi obbondono onche lo primo esoltozionemelofisico-concetiuole di virtuosismo lecnico-pittorico di un porticoloreo lrvello inconscio dello moterio visMo, per onivore ollo semplicito del ge- slomonuole, Questo conflittuolito inleriore e queslo continuo frenelico ri-cerco ortistico personole, duroto decenni di volori e disvolori figurotivi e non; lo ho portoto o un linguoggio creotivo diverso, dove lo lineo e ilritmo piu del colore, sono uno volenzo costonte oi dMenire oggettvo dell’opero d’orte. Lo figuro e ormoi un ricordo lontono, di un posoloremoto, Noscono i ‘Ritmi del lempo.’ Le sue opere divenlono vibrozioni spontonee di Iinee, di segni, di groffiti, sono come impronte indelebili diuno presenzo evocotivo del lempo. ll ‘tempo’ gronde protogonislodello suo orte, che con il suo molo perpetuo dislrugge inesorobilmentelo slolo esistenziole dello moterio. Lo suo orte divento espressione indìviduole elementore e complesso, frulio di onni di ricerco visivo, che opportiene ol suo stile personole contemporoneo, che ho chiomoto ‘Li-neorismo lnformole,’ Tutto queslovuole esere lesposizione dì un percorso di lovoro meditolo e sofferto duroto onni e giunlo o un punto di onivo, dicredo e di convinzione formole. L’orte e sogno, è il pensiero che dMento segno, e lo risposto oll’inlenogotivo dello vilo,

Nelle mie opere. voglio soltolineare limportonzo e lo volorizzozionedello lineo. de/ segno. del gesto istintivo. ripelifwo. indefinÌto e spon/oneo;dove ques/e vibrozioni spon/onee di linee, di segni, dì groffiti. sonocome impronte indelebili di uno presenzo nel tempo;come eqpressvrtdindwiduole di un’orte confem@roneo frammenlorio e indefinibile.perche non ottribuibile o nessun movimenfo, quindi individuolistico.dove lulto è importonte. nienle è yoiore osso/uto, (S. Lovorolo)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto