Biografia di Polce Maria Stella

Docente presso il M.P.I., Maria Stella Polce   è di origine abruzzese ma ha girato tutta l’Italia prima di tornare  definitivamente in Abruzzo.

Artista poliedrica, fin da giovane ha mostrato la sua passione per l’arte dipingendo  principalmente paesaggi, animali,  ecc, con un genere realistico.

Dai 20 anni in poi, ha iniziato quindi a dipingere con i colori ad olio su tela (autodidatta), ed ha partecipato alle prime mostre e collettive,  ottenendo premi e consensi.  

Dopo un lungo periodo di ricerca e sperimentazioni artistiche, con varie tecniche e materiali, (tra cui  pastelli ad olio, acrilici, acquerelli, tempere,  pittura su vetro, collages, tecniche miste ecc.), è stata la scoperta dei frattali, dall’anno  2000 in poi, che ha cambiato radicalmente il suo modo di fare arte, aderendo alla corrente artistica del Frattalismo . Dai frattali, infatti, da lei realizzati al computer, è riuscita a far emergere, dipinti col pennello virtuale guidato dal mouse, cavalli, figure femminili, paesaggi ed altro, con una tecnica di fusione tra il frattale e ciò che vi è dipinto al suo interno, con un effetto originale e sorprendente. Successivamente, ha sperimentato anche nuovi tipi di modifiche ai frattali, allontanandosi saltuariamente dal figurativo . Tutte le sue opere digitali nascono quindi dai frattali e dalla loro modificazione (compresa  frammentazione, sovrapposizione ecc.).

“…Se l’universo è frattale, il frattale rappresenta dunque per l’artista l’universo, caotico nell’apparenza ma che nel dettaglio ha un suo ordine. Le forme che in questo si manifestano per mano dell’artista sono a volte esagerate, oniriche, simboliche, ma servono ad esprimere sempre qualcosa che ha attinenza con la realtà. E’ un sentimento che l’artista ha bisogno di esprimere e di far conoscere, stimolando riflessione, curiosità e  comunicando emozioni. Stella Polce sa tutto questo e trasforma il tutto in arte, un’arte nuova e sorprendente, di grande impatto visivo, originale, alla ricerca degli infiniti, quegli infiniti che, in definitiva, sono sempre e comunque nella coscienza dell’artista.” Prof. M. Pasqualone.

Con questo nuovo genere di arte digitale è stata premiata (tra cui: Premi di Rappresentanza al Premio D’Annunzio Pescara, 2015 e 2016; Premio Internaz. città di Firenze 2017, 1° Premio Arte Digitale-Frattalismo),  è stata inserita in cataloghi d’arte (tra cui Mondadori e l’Elite  2019),  e partecipa attivamente a mostre e collettive dal 2015 in Italia e all’estero.

-E-mail: stella2art@libero.it

Manifesto del movimento culturale del  FRATTALISMO del Maestro Giorgio Orefice:

http://www.oreficegiorgio.it/index.php/en/progetti-d-arte/progetto-frattali?fbclid=IwAR0r4o-ZrNJ-16txKt6xPYiiW29Ot0nX1wov9OEJOSWjjnElDvRZDEPn288

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto