Categoria: varie2

Aldina H Beganovic Todorovic

Aldina H Beganovic Todorovic, pittrice, è nata a Bijeljina (ex Yugoslavia) nel 1963. Già dal 1975 la giovane pittrice inizia l’attività espositiva vincendo premi e conseguendo menzioni speciali da parte della critica. Tale successo si compie anche a seguito dell’innata predisposizione artistica che viene ad essere quotidianamente aggiornata dalla collaborazione con il padre pittore e fondatore della tecnica pittorica a stampa degli arazzi nell’ex Yugoslavia. La passione per l’Arte continua a svilupparsi anche quando la giovane pittrice decide di intraprendere gli studi in medicina. Da Belgrado si trasferisce in Italia nel 1992. Si laurea in Terapia della riabilitazione nel 2000 presso Facoltà di Medicina e Chirurgia a Bari, segue un master biennale a Roma conseguendo il titolo in “Il Counseling nella relazione d’aiuto e nelle tecniche espressive” nel 2011. Ha esposto in diverse mostre e rassegne ottenendo premi e nomine accademiche. “Una prorompente e vitale effusione di colore caratterizza le opere di Aldina. Una figuralità realizzata in piena libertà creativa, che trasfigura la realtà con felice inventiva e forte sensibilità cromatica. Un racconto poetico e fiabesco espresso con sensibile fantasia, in un esito formale elegante ed emotivamente coinvolgente.”(V. Cracas) Aldina H Beganovic vive e lavora a Valenzano (Bari).

 

Liberato Greco

Non ho mai amato il bel dire. Amo la letteratura, apprezzo la poesia, ma, da sempre, ad emozionarmi sono le stagione della natura e della vita, i colori, i suoni e i profumi che ci avvolgono sia quando a manifestarsi è la serenità della dolce stagione sia quando la natura si rivela in tutta la sua terribile maestosità. La vita, le sue tracce sul corpo e sul viso degli uomini che raccontano della gioia  e della fatica di vivere sono significanti a cui amo riferirmi per scoprire le emozioni che mi fanno vibrare il cuore e che hanno spinto a scegliere una facoltà scientifica, la biologia, scelta che apprezzo ancora oggi perché amo il mio lavoro di biologo e di docente di matematica.

Durante gli anni di scuola, al liceo, ho imparato a riprodurre capitelli e colonne, chiese e monumenti, scoprendo tecniche efficaci per restituire sulla carta le meraviglie dell’arte architettonica utilizzando solo una matita.

Ed è la matita lo strumento del mio primo, vero, quadro: “il ritratto della nonna”.

Che emozione veder via via comporsi quel caro viso fortemente segnato dal tempo ed illuminato da un perenne, dolce sorriso, appena abbozzato e dallo sguardo sereno!

Cominciavo a sentire molto forte il disagio di non conoscere le tecniche pittoriche, di non aver gli strumenti di riprodurre luci, colori, espressioni, così come i miei occhi dipingevano la realtà che ammiravo.

Alla fine decisi: scelsi la tecnica che mi sembrava rispondere alle esigenze, la pittura ad olio.

Ora, dopo anni, forse, sono pronto ad esprimere meglio le mie emozioni e in questi ultimi anni mi sono cimentato a cercare di raccontare sulla tela i sentimenti che mi animano nel momento in cui decido il soggetto dell’opera come è avvenuto in “Ricordo felice” con il tenero e gioioso abbraccio di mio figlio e mia sorella, il “Sogno” di una ballerina in erba, il “Mattino invernale tra i giganti” con le bellezze della campagna salentina in una fredda mattina invernale, “Vibrazioni” dove racconto le emozioni suscitate dalla musica e “L’impazienza” dove io sono l’inquieto gabbiano che condivide le turbolenze delle onde e cerca nell’arte la catarsi che porta alla serenità.

 

Ruggero Rotondi

NOTE BIOGRAFICHE

RUGGERO ROTONDI è nato nel 1960 a Cerro maggiore, dove vive ed opera.

Si dedica da giovanissimo alla pittura sotto la guida di apprezzati maestri e la sua frequentazione coll’arte

dura da 40 anni.

Ha allestito numerose personali e collettive in vari centri italiani e stranieri conseguendo lusinghieri consensi di critica e di pubblico.

 

“Amo la vita e la nostra realtà

dalle quali nascono infiniti sentimenti,

ed è per trasmetterli e difenderli

che lotto e soffro con la mia arte.”

 

  1. RUGGERO

 

 

Hanno scritto di lui numerosi critici tra cui:

 

…si manifesta pienamente il mondo interiore dell’artista che nasce da sentimenti ed emozioni strettamente vincolati alla ragione artistica, alla sua profonda umanità alla sua grande sensibilità, alla sua giovane esuberanza, alla sua gioia di vivere ed al suo amore per la natura.

 

                                                                                                            Prof. Carla Magistretti – critico d’arte

 

 

L’arcana magia di ovattati silenzi ed il recondito fascino di una serena solitudine hanno suggestionato l’estro espressivo di Ruggero Rotondi, che sa cogliere con singolare individualità tutti gli echi, perfino i più misteriosi, sia in esterno, sia tra i pacati colloqui delle cose di ogni giorno….Quando poi imposta il dialogo con la figura, questo suo rovello raggiunge le posizioni più agganciate  sia nella ricerca dei sentimenti, delle attese, delle ansie, sia nel fissare note di contorno….

 

  1. Boarini – critico d’arte

 

E’ stato invitato a partecipare a diversi concorsi e rassegne a livello nazionale ed internazionale, dove ha ottenuto

ambiti riconoscimenti fra i quali:

 

            LEONE D’ORO – CITTA’ DI VENEZIA

            PREMIO FANUM FORTUNAE

            OSCAR GIULIO ROMANO

            PREMIO CITTA’ DI MANTUA

            LA TAVOLOZZA D’ORO RAVENNA

            PREMIO MODENARTE

            PREMIO ANTONIANO BOLOGNA

            LA PALMA D’ORO     

            DAVID DI DONATELLO

            DAVID DI MICHELANGELO

            PREMIO BIENNALE DI VENEZIA

            OSCAR PER ARTI VISIVE

            OSCAR INTERNAZIONALE PITTURA –BOLOGNA

            GRAN PREMIO ARTIS-MAGISTER

            OSCAR CITTA’ DEL TRICOLORE

 

Bibliografie e quotazioni sono inserite nei seguenti cataloghi:

 

            L’ELITE

            IL QUADRATO

            ORIZZONTE

            ECO ARTISTICO

            COMANDUCCI

            REPERTORIO D’ARTE CONTEMPORANEA

 

 

Recensito da autorevoli e numerosi giornali, periodici, riviste d’arte ed anche da emittenti radiofoniche.

Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private in Italia ed all’estero.

 

Maria Stella Polce

Biografia di Polce Maria Stella

Docente presso il M.P.I., Maria Stella Polce   è di origine abruzzese ma ha girato tutta l’Italia prima di tornare  definitivamente in Abruzzo.

Artista poliedrica, fin da giovane ha mostrato la sua passione per l’arte dipingendo  principalmente paesaggi, animali,  ecc, con un genere realistico.

Dai 20 anni in poi, ha iniziato quindi a dipingere con i colori ad olio su tela (autodidatta), ed ha partecipato alle prime mostre e collettive,  ottenendo premi e consensi.  

Dopo un lungo periodo di ricerca e sperimentazioni artistiche, con varie tecniche e materiali, (tra cui  pastelli ad olio, acrilici, acquerelli, tempere,  pittura su vetro, collages, tecniche miste ecc.), è stata la scoperta dei frattali, dall’anno  2000 in poi, che ha cambiato radicalmente il suo modo di fare arte, aderendo alla corrente artistica del Frattalismo . Dai frattali, infatti, da lei realizzati al computer, è riuscita a far emergere, dipinti col pennello virtuale guidato dal mouse, cavalli, figure femminili, paesaggi ed altro, con una tecnica di fusione tra il frattale e ciò che vi è dipinto al suo interno, con un effetto originale e sorprendente. Successivamente, ha sperimentato anche nuovi tipi di modifiche ai frattali, allontanandosi saltuariamente dal figurativo . Tutte le sue opere digitali nascono quindi dai frattali e dalla loro modificazione (compresa  frammentazione, sovrapposizione ecc.).

“…Se l’universo è frattale, il frattale rappresenta dunque per l’artista l’universo, caotico nell’apparenza ma che nel dettaglio ha un suo ordine. Le forme che in questo si manifestano per mano dell’artista sono a volte esagerate, oniriche, simboliche, ma servono ad esprimere sempre qualcosa che ha attinenza con la realtà. E’ un sentimento che l’artista ha bisogno di esprimere e di far conoscere, stimolando riflessione, curiosità e  comunicando emozioni. Stella Polce sa tutto questo e trasforma il tutto in arte, un’arte nuova e sorprendente, di grande impatto visivo, originale, alla ricerca degli infiniti, quegli infiniti che, in definitiva, sono sempre e comunque nella coscienza dell’artista.” Prof. M. Pasqualone.

Con questo nuovo genere di arte digitale è stata premiata (tra cui: Premi di Rappresentanza al Premio D’Annunzio Pescara, 2015 e 2016; Premio Internaz. città di Firenze 2017, 1° Premio Arte Digitale-Frattalismo),  è stata inserita in cataloghi d’arte (tra cui Mondadori e l’Elite  2019),  e partecipa attivamente a mostre e collettive dal 2015 in Italia e all’estero.

-E-mail: stella2art@libero.it

Manifesto del movimento culturale del  FRATTALISMO del Maestro Giorgio Orefice:

http://www.oreficegiorgio.it/index.php/en/progetti-d-arte/progetto-frattali?fbclid=IwAR0r4o-ZrNJ-16txKt6xPYiiW29Ot0nX1wov9OEJOSWjjnElDvRZDEPn288

 

Laura Torlone

Sono Laura Torlone, (Teramo,10/02/1978) Artista ed insegnante di Arte. Di origine pescarese, ho trascorso 21 anni della mia vita a Bologna, dal 1996 al 2017.

Formazione: 

Bologna, frequenza dell’Accademia delle Belle Arti, consecuzione: 

    • Laurea in decorazione (110 e lode) nel 2001.

Bologna, frequenza di corsi di formazione consecuzione Attestati/certificazioni di:

  • “Programmatore progettista di sistemi multimediali” 2002.
  • “Programmatrice esperta nella produzione di cartoni animati” 2003.

Esperienze nel mondo dell’animazione di cartoni animati, digitali e tradizionali, ed in quello della grafica. Cura di diversi siti web.

Bologna, corsi SISS presso Accademia Belle Arti, consecuzione di:

    • Abilitazione all’insegnamento di materie artistiche (presso l’Accademia di Bologna) 2007.

Dal 2007 ad oggi sono Docente di Arte nelle Scuole medie, prima a Bologna ed ora, di ruolo, a Pescara. 

Esperienze artistiche:

Parallelamente e durante la formazione ho sempre portato avanti il mio percorso di  ricerca e produzione artistica. Da persona eclettica quale sono, mi sono dedicata: alla pittura, al disegno, all’illustrazione, alla caricatura, alla fotografia digitale, alla grafica, alle installazioni. Parto da esordi figurativi (il talento per il disegno è uscito fuori sin dalla primissima infanzia, alle scuole elementari una medaglia per il miglior disegno della scuola) per arrivare a linguaggi espressivi via via più astratti e materici.

Ho esposto in numerose collettive e personali in vari contesti, in Italia e all’estero, partendo da ambienti più informali come: la rassegna Vola Vola di Roseto (con installazioni sul riciclo, 2006); il Lucca Comics (fumetto, 2007); l’”Arteria” di Bologna (mostra di fumetto e pittura, 2010), i”Tre Santi” di Bologna” (mostra pittura, 2013-14), il “Mustache” di Bologna (pittura 2013); esposizioni in diverse location tra Cadaqués e Girona, in Spagna (2013-14); 

…inserendomi poi verso i circuiti più ufficiali dell’arte, (a causa di un errore nell’indirizzo e mail della sezione “Contatti” del mio sito web artistico, non ho ricevuto contatti fino al 2017. Inoltre, con la nascita di due figli, tra il 2014 ed il 2016, ho trascurato la produzione artistica. Oggi ho ripreso in mano tutto e ricevo un vivo interesse da critica e curatori):

  • Collettiva presso la galleria Spazio ZeroUno di Barletta (Fondazione De Nittis), dicembre 2018; 
  • Collettiva presso la Flyer Art Gallery di Roma, gennaio 2019;
  • Collettiva “Un’artista da Museo” presso il Museo Civico di Monreale, Palermo– febbraio 2019, con relativo attestato di “Artista da Museo” – Pubblicazione sull’editoriale Art Now, n.2 gennaio di 2019, con opera ed intervista. 
  • Partecipazione al Premio Arte Laguna 2019; 
  • Progetto di partecipazione all’Arte Fiera di Montesilvano, presso la Galleria Serafini (Pescara), Giugno 2019 – gennaio 2020; 
  • Accordi con assessore alla cultura di Pescara per prossima mostra personale.
  • Accordi con Galleria D’Adamo di Pescara.
  • Attestato per meriti artistici di “Artista Eccellente” rilasciato dal centro accademico Maison d’Art di Padova ed inserimento di mie opere d’arte ne “l’Archivio Storico dell’Arte Italiana”, inserimento del profilo d’autore sul “ GIORNALE DELL’ARTE” nella STORIA DELL’ARTE ITALIANA DEI MAESTRI D’OGGI. 
  • Pubblicazione sulla rivista “Arte e artisti contemporanei”, ed.Pagine n.39, 2016. 
  • Prossimo inserimenti di mie opere sugli annuari di Arte: 
    • “Artisti” della Mondadori, 2019 
    • CAM (Catalogo dell’arte moderna) Cairo Editore, vol. 55, 2019. 
  • Inviti a partecipare a rassegne internazionali (quali Biennale di Firenze, Arte-Genova 2019). 

Sulla mia produzione artistica…

Come accennato, parto da esordi figurativi (che non ho mai del tutto abbandonato) e mi sono poi “evoluta” in altre direzioni, attraverso tante sperimentazioni, provando oggi vicinanza sia con le correnti romantiche (innegabile è l’amore per Turner e gli Informali) che per quelle espressioniste astratte, concettuali e contemporanee, dando luogo ad un linguaggio mio di sintesi  tra sensibilità, energia e materia.

Il mio linguaggio negli ultimi anni si configura come una pittura materica, la cui espressività trae la sua forza dalla superficie in rilievo.

Astratta, a volte con intromissioni figurative, romantica, simbolica, concettuale. 

 

Carla Colombo

ARTE FIGURATIVA e LETTERARIA
Carla Colombo è nata e risiede ad Imbersago, in Brianza.
Da giovanissima scopre la passione per i colori e si avvicina al mondo della pittura da autodidatta,
colmando parzialmente il desiderio di scoperta e di ricerca che l’accompagna per tutto il Suo
percorso artistico.
La continua ricerca e l’amore per l’arte la sprona a frequentare la Scuola d’Arte Pura e Applicata di
Merate sotto la guida di noti maestri della zona, in particolare del Maestro F. Torazza
Negli anni ’90, l’incontro con il Maestro A. Beretta di Milano Le regala una nuova carica artistica che
esplode in opere sempre più personali e riconoscibilissime.
L’ansia di ricerca la invita a tentare sentieri inesplorati diversi dal canone tradizionale ed è in queste
interpretazioni che lascia intravedere un mondo nuovo sconfinando nel contemporaneo e nel
moderno senza dimenticare le tecniche molto più tradizionali, come l’olio che stende mirabilmente
con la spatola, l’acquarello preferendo una tecnica macchiaiola e la china sviluppata in creazioni di
fantasia –zentangle.
Dal 1996, anno di ripresa artistica, ha tenuto circa 80 personali in varie locations, ha partecipato a
numerosi concorsi ottenendo validi riconoscimenti ed a collettive organizzate in tutta Italia, ma
anche all’estero: Belgio, Bulgaria, Grecia, Colombia, Croazia, Francia, Germania, Regno Unito,
Romania, Russia, Uruguay
Appassionata della corrente artistica della mail art, si prodiga a divulgarne le caratteristiche ed a
cogliere l’adesione di altri artisti organizzando eventi senza nessun scopo di lucro.
Nel 2008 Le vengono assegnati prestigiosi riconoscimenti e titoli da prestigiose Accademie :
– Premio alla carriera da parte dell’associazione “Il Tempio” di Palermo
– Accademia Internazionale “Il Convivio” di Castiglione di Sicilia (CT)
titolo di prof.ssa accademica corrispondente sezione Pittura
Nel 2009
– Accademia Internazionale “Greci-Marino” accademia del Verbano di Lettere, Arti, Scienze di
Novara.
– titolo di prof.ssa accademica corrispondente sezione Pittura
La Sua espressione artistica, che è una continua esternazione di emozioni e di ricerca, ha
conquistato uno spazio ben definito nel difficile e caotico mondo dell’arte.
Organizza eventi artistici presso il proprio atelier ma anche in locations diverse, collaborando con
associazioni varie.
Per entrare nel dettaglio di quando sopra , è consigliabile consultare il sito
http://www.artecarla.it
ed io Suo personale blog
http://artecarlacolombo.blogspot.com
che cura ed aggiorna
personalmente.
Oltre alla pittura, anche la poesia le sta regalando soddisfazioni personali..
E’ il 2007
, quando su suggerimento di un esperto letterario, propone una poesia al concorso
internazionale Santa Maria della Luce indetto dall’accademia Internazionale Il Convivio dove
risulta
meritevole di II premio nella sezione poesia a tema libero.
Nel 2008 si ripropone ed un’altra poesia viene premiata col premio speciale “donna” al premio
U.D.I di Massa Lombarda.
I riconoscimenti si susseguono ricevendo altre conferme che la incoraggiano sempre di più in
questo Suo ulteriore esprimere.
Sono tante oggi le antologie che raccolgono le Sue poesie proprio a seguito di questi numerosi
riconoscimenti.
 
 
Proprio per il tanto amore per l’arte si diletta a comporre recensioni
commenti a colleghi artisti
pittori che Lei stessa raccoglie e le pubblica sul proprio sito personale
www.artecarla.it e sul blog: http://lavostraarte.blogspot.com aperto appositamente per dare risalto
all’arte di amici artisti.
Dal gennaio 2010, ben 100 artisti Le hanno affidato la propria arte, dimostrando e mantenendo un
rapporto di amicizia maturato e consolidato nel tempo.
E’ in questo contesto che è in cantiere un progetto editoriale che raccoglierà le tante recensioni.
Il Suo percorso artistico, che in questi ultimi 20 anni non ha mai subito pause, è in continua ascesa
e non si risparmia nel dare una fattiva collaborazione artistica pittorica e letteraria a varie
associazioni del territorio.
Nel 2012 è uscita la Sua prima e corposa raccolta di poesie dal titolo “
La melodia del
cuore
” che
racconta la Sua parte intimistica in modo semplice, delicato, quasi come un sussurro … “
in punta di
piedi
” … come spesso ama definire tutto il Suo esprimere.
La raccolta ha ottenuto consensi sia di critica che di pubblico ed è stata premiata in diversi concorsi.
Con la raccolta “
Ogni giorno è un nuovo sole
” pubblicata in dicembre 2017, si è riproposta ai
propri lettori con liriche espresse sempre con la delicatezza delle parole come fossero sfumature in
un arcobaleno preludio tangibile di un ritorno al sole.
Valida esperienza a più mai è data dalla pubblicazione di “Frammenti emozionali” uscita nel mese
di marzo 2018 che su proprio progetto ha coinvolto 32 autori per poesie a più mani.
Artista dunque a 360° che si esprime con i mezzi a lei congeniali, ma sempre con un comune
denominatore, emozione e passione per i colori e per tutto ciò che l’arte rappresenta per la Sua
vita.
Se i colori sono “i pensieri della mia mente”, le mie liriche sono semplicemente “la melodia del mio
cuore” e spero che la mia arte giunga sempre con tanto sole “dentro” .
CARLA COLOMBO
 
www.artecarla.it

Due premi assegnati, sia per la pittura e sia per la poesia.

DIVENIR CONCHIGLIA

 

Il profumo intenso di salsedine

e di acqua turchina

accarezzata dalla brezza del mattino

irrora le ciocche dei capelli

sciolti e baciati

dal raggio di sole.

 

I riflessi delle acque

al ritmo delle onde

ed alla schiuma della risacca

cullano emozioni   

e regalano agli occhi

colori striati di giallo oro.

 

Come vorrei perdermi

nelle braccia del mare calmo

o nel vortice della tempesta

per poi adagiarmi morbida

sulla spiaggia borotalco

del sogno infinito

e divenir per sempre

leggero soffio del vento d’aprile

e bianca conchiglia baciata dal mare

per annegarmi nel tuo amore infinito.

 

 

Carla Colombo

20 marzo 2016

ARTE FIGURATIVA

Carla Colombo è nata e risiede  ad Imbersago, in Brianza.

Da giovanissima scopre la passione per i colori e si avvicina al mondo della pittura da autodidatta, colmando parzialmente il desiderio di scoperta e di ricerca che l’accompagna per tutto il Suo percorso artistico.

La continua ricerca e l’amore per l’arte la sprona a  frequentare la Scuola d’Arte Pura e Applicata di Merate sotto la guida di noti maestri della zona, in particolare del Maestro F. Torazza. Negli anni ’90, l’incontro con il Maestro A. Beretta di Milano Le regala una nuova carica artistica che esplode in opere sempre più personali e riconoscibilissime. L’ansia di ricerca la invita a tentare sentieri inesplorati diversi dal canone tradizionale ed è in queste interpretazioni che lascia intravedere un mondo nuovo sconfinando nel contemporaneo e nel moderno senza dimenticare le tecniche molto più tradizionali, come l’olio che stende mirabilmente con la spatola, l’acquarello preferendo una tecnica macchiaiola e la china sviluppata in creazioni di fantasia –zentangle.

Nel 2008 Le vengono assegnati prestigiosi riconoscimenti e  titoli da prestigiose Accademie :

– Premio alla carriera da parte dell’associazione “Il Tempio” di Palermo

– Accademia Internazionale “Il Convivio” di Castiglione di Sicilia (CT) 

  titolo di prof.ssa accademica corrispondente sezione Pittura

Nel 2009

– Accademia Internazionale  “Greci-Marino” accademia del Verbano di Lettere, Arti, Scienze di Novara.

– titolo di prof.ssa accademica corrispondente sezione Pittura

Dal 1996, anno di ripresa artistica, ha tenuto più di 80 personali in varie locations, ha partecipato a numerosi concorsi ottenendo validi riconoscimenti ed a collettive organizzate in tutta Italia, ma anche all’estero: Germania, Spagna, Francia, Russia, Belgio, Bulgaria, Colombia, Croazia, Francia, Germania, Regno Unito, Romania, Uruguay. Appassionata della corrente artistica della mail art, si prodiga a divulgarne le caratteristiche ed a cogliere l’adesione di altri artisti organizzando eventi senza nessun scopo di lucro. Recensisce l’arte di altri artisti che pubblica sul suo blog http://lavostraarte.blogspot.com(ad oggi quasi 100 artisti hanno regalato la propria arte). Ha organizzato diversi eventi artistici presso il proprio atelier ma anche in locations diverse, collaborando con associazioni varie.

Per entrare nel dettaglio di quando sopra , è consigliabile consultare il sito http://www.artecarla.it  ed io Suo personale blog http://artecarlacolombo.blogspot.comche cura ed aggiorna personalmente.

Artista dunque a 360° che si esprime con i mezzi a lei congeniali, senza tralasciare la passione per poesia, considerando che ha al Suo attivo la pubblicazione di tre silloge di poesie: La melodia del cuore (ottobre 2012), Ogni giorno è un nuovo sole (dicembre 2017) e Frammenti emozionali, poesie a più mani a più cuori, (marzo 2018) che Le hanno regalato emozioni anche in questa campo.

Tutto questo  sempre con un comune denominatore, emozione e passione per i colori e per tutto ciò che l’arte rappresenta per la Sua vita.

 

Mario Fior

Mario Fior

 

Nato a Torino nel 1956, agente di viaggi per professione.

Nel 2004 ho ripreso la mia passione per la fotografia grazie all’avvento del digitale. Il passo per arrivare alla post-produzione è stato praticamente simultaneo.

Adesso la fotografia per me è diventata il mezzo per procurarmi i soggetti che si trasformeranno nelle mie opere che mi piace chiamare…. Immagini!

 

Esperienze espositive:

 

2009 – Pubblicazione della monografia:

      San Benedetto Belbo

      Immagini dal territorio

      con il patrocinio del Comune di

           San Benedetto Belbo

2009 – Mostra internazionale di arte contemporanea:

      Artissima – Arte in luce

      Villaggio Olimpico – Torino

2010 – Concorso fotografico:

      l’uomo e il suo bagaglio

      Borgo medievale – Torino

2011 – Mostra personale:

      Artisticamente

           Sala mostre – via Po – Torino

2011 – Mostra personale:

      Immagina Immagini   

      Caffè Basaglia – Torino

      Caffè Giardino –  Torino

      Sale espositive – Rivarolo Canavese

2012 – Mostra personale:

           Immagina immagini

           Sala consiliare – Brandizzo

2014 – Mostra personale:

      In poche parole…

      Sala consiliare – Brandizzo 

2015 – Mostra personale:

            Villa Marchini Ramello

      San Maurizio canavese

2016 – Mostra collettiva:

            Galleria Ex Macelleria – Pontremoli (MS)

2016 – Mostra Collettiva:

            Galleria Art time – UDINE

2018 – Gli artisti nella collezione SGARBI

      archiviazione  P65/P66

2018 – Art Expo Venezia

      Biennale delle Nazioni

      Premio internazionale dei Dogi

      Scuola Grande della Misericordia – Venezia

2018 – Maestri contemporanei

      Casa dei Carraresi – Treviso

2018 – Premio Internazionale Van Gogh

      Galleria d’arte Moderna e Contemporanea

      Giuseppe Sciortino – Monreale (PA)

2018 – Mostra collettiva:

            D’E.M. Venice art Gallery – Mestre (VE)

 

Margherita Casadei

MARGHERITA CASADEI. Nata il 26 giugno del 1982, abita nelle campagne cervesi in Romagna. Autodidatta per quanto concerne la pittura. Ha frequentato l’Università di Bologna specializzandosi nella materia di Scienze Filosofiche ottenendo i massimi voti con lode. Appassionata alla musica, al canto, alla poesia e da sempre appassionata al disegno e ai colori, inizia a dipingere (quasi improvvisamente) per un’urgenza personale d’espressione intorno ai sedici anni. Il suo percorso pittorico è una continua ricerca che si esplicita nel periodo del liceo classico e prosegue ai tempi dell’università. Questa ricerca ha al suo centro la figura umana (quasi sempre dipinta come donna perché la figura femminile è più vicina al suo modo di sentire e di essere) con le sue problematiche e la sua comunicativa. Sempre più forte in lei l’esigenza di esprimere con i colori quello che le parole da sole non risolvono. La donna alla finestra(diversi suoi dipinti raffigurano questo soggetto) è il simbolo del suo far arte. La donna alla finestra ribadisce il punto di vista sul mondoche costituisce una motivazione di essenziale ed esistenziale importanza. Il punto di vista  infatti significa esserci, essere vivi, guardare e pensare, sentire il più possibile, allenare al massimo le nostre facoltà umane tra cui ci sono quelle della contemplazione, del capire, del comprendere, del continuo ricercare, e quella di sognare affinché la luce del sogno possa illuminare la cruda realtà. La figura voltata di spalle aiuta il fruitore ad immedesimarsi. La donna voltata di spalle invita il fruitore a guardare oltre verso un mondo migliore. La pittura diventa il mezzo dunque, per indagare l’uomo, quale essere problematico in mezzo ad un universo misterioso dal ritmo interessante.

CON LA MIA ARTE MI PROPONGO DI ESPRIMERE UN MONDO VICINO ALL’ANIMO UMANO E, NELLO STESSO TEMPO, CHE POSSA DARE RESPIRO ALL’UOMO CURANDONE L’ANIMA CON L’ARTE LONTANO DALLE RISTRETTEZZE MATERIALI; NELL’ARTE TROVO MODO DI DARE VOCE ALL’ANIMA TROPPO SPESSO SOFFOCATA NELLA MATERIA. VORREI, NEL MIO PICCOLO,TRAMITE LA MIA ARTE, INVITARE AL SENSO DI RELIGIOSO STUPORE E VOGLIA DI BELLEZZA. L’ARTE, RITENGO, SIA UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO PER RAFFINARE L’ANIMA, UNO STRUMENTO PER CONOSCERE SE STESSI E IL MONDO, QUALCOSA IN GRADO DI METTERE A CONTATTO E IN COMUNICAZIONE UOMINI DI POPOLI E CULTURE DIVERSI. INOLTRE RITENGO CHE L’ARTE SIA UN OTTIMO STRUMENTO EDUCATIVO E SALVIFICO PER I GIOVANI  PERCHE’ ANCORA FA CAPO AI SENTIMENTI UMANI AUTENTICI E GENUINI DELLA RICERCA E DELLA VOGLIA DI BELLEZZA AL DI LA’ DELL’ERA DIGITALE, DEL TRASCORRERE DELLE EPOCHE  E DELLA PURA MATERIALITA’ “       

 

Raffaele Mazza

BIOGRAFIA

Appassionato d’arte sin da piccolo è assetato di originalità, unicità e stile in ciò che crea, cerca di Maturare dimestichezza nell’uso dei “materiali”, intraprende un percorso di studio personale, analizzando le movenze di ciò che lo circonda, razionalizza nuove ipotesi artistiche; contraddistinguendo tra le righe quello che libera il suo “IO”. E’ da questa continua sperimentazione e originalità che nasce il suo stile, affermato in modo particolare nelle sculture. Ama scoprire valutare e scandagliare nuove tecniche artistiche, molte delle quali fuori gli schemi canonici e dalla metodica realizzativa. Nulla è programmato, perché dal suo punto di vista “l’originalità con cui è fatta un’opera, dona all’opera stessa la capacità di esprimersi”. E’ particolarmente attratto dal “Sacro”, dove trova la sua maggiore ispirazione è profondamente convinto che la sua arte sia un “dono” e come tale deve essere “donata” con la speranza che possa suscitare emozioni, le stesse emozioni che prova lui stesso nell’atto in cui “l’idea” prende materialmente prende forma, anche perché le sue opere non sono mai preventivate, non crea mai nessun bozzetto o rifermento, tutto nasce al momento, “sviluppare in quell’istante oppure perdere tutto”. Nelle sue creazioni spesso sceglie e sposa diversi elementi, valorizzandone il meglio di ciascuno, incastonandoli in un linguaggio armonioso. Capo saldo nel suo “stile” è l’idealismo artistico, l’ispirazione del momento, considerando la materia come qualcosa di secondario nei confronti “dell’idea “cioè della sostanza spirituale che può esprimere. Acquista notorietà grazie alla moglie Paola, la quale si fa promotrice della sua arte, convinta del talento espresso nelle sue opere, caparbia insiste per renderle pubbliche nonostante il parere “contrario” dell’Artista, a qualsivoglia forma mediatica e così che la sua perseveranza viene premiata, organizza la sua prima manifestazione artistica il 09 agosto 2012, in occasione di una mostra collettiva dal titolo “Angoli D’arte” ad Angoli (CZ), in questa occasione, si conferma la convinzione di Paola difatti, conquista il plauso del pubblico e riceve lusinghieri apprezzamenti. Seguono una lunga serie di manifestazioni pubbliche con grandi soddisfazioni e un Escalation di premi e riconoscimenti. Hanno scritto di lui: Vittorio Sgarbi, Paolo Levi, Luca Cantore D’Amore, Marco Rebuzzi, Veronica Nicoli, Salvo Nugnes, Vincenzo Abati, Carla d’Aquino Mineo, Armando Principe, Sandro Serradifalco, Maria Emilia Ciannavei, Luigi Cerruti, Fulvia Minetti, Flavio De Gregorio, Licia Oddo, descrivendolo come un’artista dalla creatività sconfinata, che eredita dagli artisti impressionisti l’abilità di imbrigliare le emozioni su una superficie. Da uno stralcio di una nota critica si sottolinea come osservando le sue opere ci si trova davanti a una serie di profili, soprattutto di epoca rinascimentale: dai duchi d’Urbino di Piero, al dittico dei Bentivoglio di Ercole de’Roberti; si pensa alle monete di Pisanello, al pollaiolo. Mazza condivide con i grandi artisti del passato, innanzitutto la formazione avvenuta quando ancora bambino ammirava lo Zio, scultore pittore di Lamezia Terme e la grande passione per la materia. Infatti si appassiona a tutte le diverse tecniche utilizzabili in campo artistico. Mantiene salda una convinzione però. Quella che questa veicoli un contenuto, un messaggio, esprima “un’Idea”, come avrebbe detto Panofsjy. L’opera d’arte pur essendo fatta di materia non può fermarsi soltanto a quest’ultima. Prendiamo ad esempio (olio spatolato su tela, cm 90×70) omaggio alla propria terra natia. Qui l’idea della rappresentazione prevale sulle regole canoniche della prospettiva. Al Mazza non interessa mostrare la torre della propria città, la sua bellezza, secondo le consuete norme, gli interessa comunicare il proprio stato d’animo, farci vedere come sente quei luoghi nel quale è nato, dove ha vissuto, dove tuttora lavora, crea, esiste. Ed in questo mi ricorda Van Gogh per quel modo di dipingere il dato naturale filtrando con la propria visione intellettuale ed emotiva. E sempre per citare i grandi maestri del passato, commovente è la sua rielaborazione della Creazione di Adamo di Michelangelo in (tecnica ad argilla grezza plasmata e infornata, cm 100×50) dove dimostra di conoscere attentamente la storia del Buonarroti. E’ risaputo, infatti che Michelangelo si sentisse più scultore che pittore. Tant’è che quando Giulio II gli commissionò la Sistina in luogo della “sua sepoltura” il grande genio di Caprese si sentì profondamente in disagio. E concepì comunque per tutta la sua vita la pittura come un altro modo di scolpire. Le opere di Mazza sono ispirate da un’autentica vocazione alla trascendenza da un anelito che traduce in esperienza visiva l’amore di un Dio infinitamente grande, che guida l’uomo sulla via della salvezza. Il Prof. Cantore D’amore congiuntamente al Prof. Daverio ammirando proprio un’opera dal titolo “Figlio Mio” hanno pensato come fosse provocatorio insinuante accostarla al “Compianto sul Cristo morto” di Niccolò dell’Arca. E’ quindi si può riflettere su quante siano differenti le modalità di espressione in 500 anni di distanza, del dolore. Affermando appunto come il contemporaneo espresso da Mazza sia contrapposizione provocazione di valori e tecniche antiche e contemporanee.

EVENTI – PREMI & RICONOSCIMENTI.

ANNO 2019
– Collettiva d’arte presso la Villa Comunale di Frosinone con l’opera “Onore, Altruismo e Cameratismo”.

ANNO 2018
– RASSEGNA INTERNAZIONALE d’Arte contemporanea “Bologna International Exhibition”;

– RASSEGNA INTERNAZIONALE d’Arte contemporanea “Artists in the World” presso Galleria Porto Art Gallery in Rua dos Vanzeleres,in Portogallo. Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale, Porto;

– DICHIARAZIONE CRITICA all’evento “NEW YORK INTERNATIONAL” Art Expo New York. Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale, New York; – MONUMENTO dal Titolo “IL POLIZIOTTO” Donato e installato presso Ufficio Polizia di Frontiera di Lamezia Terme;
– TARGA Riconoscimento Ufficio Polizia di Frontiera di Lamezia Terme;
– TARGA Riconoscimento ANPS (Associazione Nazionale Polizia di Stato), Lamezia Terme;

– DICHIARAZIONE CRITICA alla Mostra Internazionale “GLI ARTISTI INCONTRANO DALI’ E VAN GOGH” Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale, Francia e Spagna;

– PREMIO INTERNAZIONALE “Van Gogh” inserimento nel catalogo ufficiale, Monreale;
– Collettiva d’arte presso il Monastero dei Benedettini di Monreale, Palermo;
– PREMIO INTERNAZIONALE “Canaletto”, Venezia;
– PREMIO INTERNAZIONALE London Art Prize “ “Great Master” e NOTA CRITICA. Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale, Londra; – Collettiva d’arte presso la Brick Lane Gallery di Londra;

– SELEZIONATO per la 1^Biennale del Tirreno e inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale;
– VINCITORE del concorso FULL ART IMMERSION con accesso al “Premio Arte Costiera” Antica Repubblica Marinara, Amalfi;
– Percorso di “Valorizzazione e Tutela” 2018 Catalogazione, Video Recensione, Quotazione ufficiale Aprile 2018 asta n. 4 della Casa D’Aste Prince Art Gallery; – TESTO CRITICO di Marco Rebuzzi sulla rivista EFFETTO ARTE (edizione speciale da collezione) a cura del Prof. Paolo Levi;
– PUBBLICAZIONE di due opere sul 1° numero della rivista IconArt Magazine un bimestrale di Arte Culture e Spettacolo della PRINCE GROUP;
– DICHIARAZIONE CRITICA alla Mostra Internazionale ” I Mondiali dell’arte in Russia”. Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale;
– ATTESTATO di Stima a firma di Lorella Cuccarini per la donazione di un’opera al Progetto “HOME”, 30 Ore per la Vita;
– Collettiva d’arte presso il Complesso monumentale di San Giovanni Battista, Cava dei Tirreni.
– 1° PREMIO INTERNAZIONALE “Arte Palermo Capitale della Cultura 2018” Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale;
– ATTESTATO DI MERITO ARTISTICO a firma del Prof. Paolo Levi al1°Premio Internazionale Arte Palermo;
– ATTESTATO DI MERITO, TESTO CRITICO E TARGA con Pubblicazione di due opere nel Volume i “99 PROTAGONISTI DELL’ARTE- I SEGNALATI”; – FINALISTA alla V° edizione del Premio Accademico Internazionale “Apollo Dionisiaco”.
– DONAZIONE dell’Opera “Idealità e Tradizione” al Santo Padre PAPA FRANCESCO, Vaticano;
– MONUMENTO dal titolo “Misericordia” Donato e installato presso lo Stato Maggiore dell’Esercito, Palazzo Esercito Roma;
– PREMIO RAFFAELLO 2018;
– FINALISTA alla V° edizione del Premio Accademico Internazionale “Apollo Dionisiaco”;
– PREMIO DELLA CRITICA Arte Milano 2018 “The Factory “;
– PREMIO RENÈ MAGRITTE Belgio;
– Collettiva d’arte presso il OUD SINT JAN MUSEO, Belgio;

– ATTESTATO di nomina di “Artista Nella Storia”;
– PUBBLICAZIONE dell’opera nel Calendario dei Bersaglieri 2019;
– ATTESTATO DI BENEMERENZA Presidenza Nazionale Ass. Naz. Bersaglieri;
– Collettiva d’arte presso la Galleria “Area Contesa Arte” in via Margutta 90, Roma , con l’opera “Onore, Altruismo e Cameratismo”;
– ATTESTATO di Merito Artistico Arte Salerno 2018;
– Collettiva d’arte Palazzo Fruscione”, Salerno.
– DONAZIONE dell’Opera “Papa San Giovanni XXIII°” al Santo Padre PAPA FRANCESCO, Vaticano in occasione della donazione da parte del Cardinale

Comastri della Reliquia di San Giovanni XXIII°.;
– REALIZZAZIONE del Tabernacolo e del Reliquiario per la reliquia di san Giovanni XXIII° Nella Cappella del 2° Reggimento Sirio Lamezia Terme dal Titolo “I

Doni dello Spirito”.
– ATTESTATO di Merito Artistico Roma Caput Mundi 2018; – PREMIO ROMA CAPUT MUNDI.

ANNO 2017

– RASSEGNA INTERNAZIONALE d’Arte contemporanea presso Complesso Monumentale del Teatro Dei Dioscuri al QUIRINALE Roma, Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale;

– PREMIO INTERNAZIONALE “Lupiae 2017” sezione Scultura, Lecce; – PREMIO INTERNAZIONALE “Lupiae 2017” sezione Pittura Lecce;
– PREMIO INTERNAZIONALE “Palladio” per meriti Artistici Padova;
– Collettiva d’arte Villa Contarini Piazzola sul Brenta Padova;

– CERTIFICAZIONE CRITICA e Pergamena Personalizzata al Premio Internazionale Arte Contemporanea Arte Salerno 2017 a firma di Vittorio SGARBI, Daniele Radini Tedeschi, Veronica Nicoli e Armando Principe. Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale;

– Collettiva d’arte Palazzo Fruscione”, Salerno
– PREMIO ROTARY CLUB Lamezia Terme ” Valter Greco”;
– Personale Hotel Savant Lamezia Terme
– PREMIO INTERNAZIONALE “Levante Otranto 2017”;
– DICHIARAZIONE CRITICA all’Evento Internazionale di Arte contemporanea “Spoleto Arte Verso Caravaggio” a MALTA con il contributo di Vittorio Sgarbi,

Josè Dalì, Alessandro Meneguzzi, Salvo Nugnes. Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale;
– PREMIO “LEONE ALATO” in occasione della 57^ BIENNALE DI VENEZIA all’evento “Viva Arte Venezia” presso Palazzo Albizzi-Capello. Inserimento

dell’opera nel catalogo ufficiale;
– Collettiva d’arte Palazzo Albizzi Capello;
– FINALISTA alla IV° edizione del Premio Accademico Internazionale “Apollo Dionisiaco”;
– PREMIO INTERNAZIONALE di arti visive “DIANA’S WALK. Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale;
– CONFERRING THE ACADEMIC TITLE PROFESSOR of Santa Sara Academy con decreto di nomina nr. 256-20 Alessandria.
– FINALISTA alla 3^ Edizione del Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti Inserimento dell’opera nel catalogo ufficiale, Seravezza;
– Collettiva d’arte presso Scuderie Granducali del Palazzo Mediceo di Seravezza (LU);
– DICHIARAZIONE CRITICA all’evento “Miami Meets Milano” in concomitanza della fiera più importante e grande al Mondo ART BASEL patrocinato dal

Consolato Generale d’Italia a Miami e inserimento dell’opera nel prestigioso catalogo Editoriale Giorgio MONDADORI”, Miami;
– ATTESTATO D’ONORE E MEDAGLIA D’ONORE All’evento “Art Festival”, Roma.
– Collettiva d’arte presso il Palazzo Pontificio Roma.
– Inserimento di due opere nel progetto “Gli Artisti della Collezione Sgarbi” con TESTO CRITICO a firma del Prof. Vittorio SGARBI;
– Inserimento di due opere nel catalogo di EA editore, Arte del nuovo Millennio “Archivio” delle grafiche di Vittorio SGARBI Collezione per un futuro Museo

d’arte contemporanea;

ANNO 2016

  • –  PREMIO “Marc CHAGALL”;

  • –  Collettiva d’arte Museo Villa Breda Padova;

  • –  PREMIO “SAN MARCO” Città di Venezia;

  • –  Collettiva d’arte Palazzo Albizzi Capello Cannaregio;
    – MONUMENTO dal Titolo “Angeli in Volo” Donato e Installato nella Caserma del 2° RGT AVES “Sirio” di Lamezia Terme;
    – DONAZIONE dell’Opera “La Passione” al Santo Padre PAPA FRANCESCO, Vaticano;
    – TARGA Riconoscimento “Lamezia che vogliAMO”;
    – MONUMENTO dal Titolo “Vibrazione Animica” Donato e installato all’Ingresso del Comune di Lamezia Terme;
    – PREMIO Varazze Arte”;
    – DONAZIONE dell’Opera “La Passione” al MUSEO Diocesano di Lamezia Terme.
    – DIPLOMA D’ONORE CON MENZIONE D’ENCOMIO al Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti Seravezza Inserimento dell’opera nel catalogo

    ufficiale;
    – PREMIO “PERSONAGGIO LAMETINO DELL’ANNO” per meriti Artistici;

  • –  1° Classificato al 1° Concorso di Estemporanea di Pittura a Cosenza;

  • –  Collettiva al centro polifunzionale “Auser” di Cosenza;

  • –  Mostra collettiva evento “People & Art”;

  • –  “EventoCondivisi3”FuoriSalonediMilano.

ANNO 2015

ANNO 2014

  • –  2° Classificato al 1° Concorso Nazionale d’Arte Contemporanea “I popoli che resistono”;

  • –  PERSONALE Chiesa dell’Immacolata Concezione di Migliuso (CZ).

  • –  CRITICA D’ARTE Città di Cosenza- “Proiezione Calabria”;

  • –  Collettiva d’arte presso il Chiostro “San Domenico” Cosenza.

– PREMIO alla Critica Città di Paola;
– PREMIO Ermes VERCILLO a Cosenza;
-.DONAZIONE alla Questura di Catanzaro di una scultura dal titolo “La Passione”.

 

Marco Feci

BIOGRAFIA

Nato a Marino nel 1960, subito dopo la nascita , la mia famiglia si trasferisce a  Roma.

Oggi mia residenza dove  vivo e lavoro.

Mi sono avvicinato alla pittura molto tardi intorno ai quaranta anni poi sono stato rapito e affascinato da Lei.

Ricordo ancora nel 2004  le sensazioni del mio primo quadro, da una parte avevo una tela bianca dall’altra  i colori, due cose completamente diverse, che poi   pian pianino  si fondono   cambiando  entrambe dando vita a qualcosa di tuo, di unico e mai più ripetibile .

Dopo quella  prima volta  mi è rimasto il piacere  di trasferire, attraverso il colore, le mie emozioni del momento,  o su  una tela o su un mobile o un muro non è importante quello che conta  è imprimere in esso le mie sensazioni  e “renderlo unico”.

Adoro molto i colori solari come  i forti contrasti.

In questa mia fase creativa  adoro  l’acrilico   perché mi da la possibilità di sentire subito al tatto le materialità del colore asciutto impresso nella tela.

Mostre :

2009  giugno          Collettiva  Palombara Sabina             “perdersi nei labirinti dell’astrazione

2010  gennaio       Collettiva  Venezia                                  “Affinità e contrasto

2015  aprile            Collettiva  Barcellona                             “Artists in the world 2^ biennale”

2015  maggio        Collettiva  Roma                                      “ Romart 1^ biennale”

2015 novembre    Collettiva Roma                                      “Art Meeting  rassegna internazione d’arte contemporanea”

2016 febbraio        Collettiva  Bologna                                  “Expo Bologna 2016 VI edizione” Wikiarte    

2016 dicembre      Collettiva Londra                                     “ Coronari art111  esposizione Melià White House”

2017 aprile             Collettiva Bologna                                   “ Art Experience” Wikiarte

2017 luglio              Collettiva Torino                                      “ Mostra Internazionale”  Museo Internazionale Italia Arte MIIT

2017 settembre    Colletiva  Udine                                        “ I Colori dell’Arte”

2017 novembre   Collettiva Parigi                                    ” Carrousel du Louvre  Art Shopping “

2018 novembre    Collettiva Roma                                       “Area Contesa Arte “ Visione D’arte: Astratto, Figurativo, Paesaggistico

 

 

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e dei link Youtube e siti esterni, (tra l’altro l’amministratoredel presente sito non ha gli accessi ai plugin amministrativi per inserire i banner poupap) . Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, Leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Premi \\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\"Accetto\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\" per continuare la navigazione

Read more